Radu Marian Sopranista. IT

Radu Marian

Sopranista

Nato nel 1977 in Moldova, in una famiglia di artisti, il suo talento musicale viene scoperto all’età di quattro anni grazie al suo padre. Nel 1989 diventa il vincitore del primo premio, debuttando al Festival Internazionale della Creatività a Mosca. Nel 1990, Radu Marian vince il primo premio per il miglior concerto dell’anno al Festival Internazionale “Talenti Straordinari” a Chisinau, dove a cantato con Sergei Nakariakov. Dal 1993 al 1996 ha studiato pianoforte con Angela Neaga in collegio di musica “Stefan Neaga”e canto con Maia Severin (solista della Filarmonica di Lvov e Chisinau). Dal 1995 Radu Marian ha migliorato la sua tecnica sotto la guida di Ion Stoian alla Accademia di Musica di Bucharest.

Dopo essersi trasferito in Italia all’età di ventidue anni, Radu Marian ha continuato ad migliorare ed empire il suo repertorio nella cappella Romana di S. Giacomo  sotto la direzione di Flavio Colusso, con quale  ha eseguito le opere di Giacomo Carissimi in tutta Europa. Nel 2000 incide il suo primo CD «Alia Vox» con la casa discografica Musicaimmagine, accompagnato dall’Ensemble Seicentonovecento. Nello stesso periodo, Radu Marian  debutta al Teatro Valle di Roma nell’opera  «Il Gioco dei Mostri» scritta dai compositori contemporanei Nicola Sani e Lucio Gregoretti per l’Accademia di Santa Cecilia.

Sopranista e stato ospite in molti prestigiosi  festival europei come il Festival dei Due Mondi di Spoleto, Festival Barocco di Viterbo, Vilnius Festival ect… Canta a Musikverein e Konzerthaus di Vienna; Concertgebouw  di Amsterdam; La Maestranza di Siviglia;  Oratorio del Gonfalone di Roma; Teatro del Hermitage di San Pietroburgo e il teatro Galina Vishnevskaya di Mosca.

Radu ha sempre evocato una critica entusiasta, Luigi Belingardi lo ha definito “l’usignolo Barocco” in un’intervista per il Corriere della Sera. Nel 2008, Paolo Brano che rappresenta Radu al Festival Barocco di Viterbo lo ha definito “il più grande sopranista.”

Nell’aprile 2010, Radu Marian ha cantato al festival dedicato al bicentenario della morte del famoso castrato Venanzio Rauzzini nella catedrale di Bath(Ingliterra) dove e sepolto. In relazione a questo evento e stato invitato a BBC Radio, dove ha cantato in trasmissione  diretta.

Il suo repertorio comprende musica dai primi del seicento ai giorni nostri. Molti compositori contemporanei come René Clemencic, Flavio Colusso, Anna Galterio e Luciano Bellini hanno scritto la musica per la sua voce.